Analisi Forex 5 novembre 2014: vittoria dei Repubblicani

 

È ormai risaputo che le mid-term elections (le elezioni di metà mandato) che rinnovano circa i due terzi del Congresso statunitense, sono l’appuntamento chiave che conferma l’operato del presidente. La campagna per questo election day è stata feroce e ha portato alla vittoria dei Repubblicani. Una vittoria di misura che toglie ogni dubbio sul futuro della presidenza USA, ora più che mai, indebolita da un parlamento azzoppato.

Il presidente Obama è ora in grandissima difficoltà e dovrà darsi da fare non poco per riuscire nell’opera di rinnovamento promessa: o meglio, è facile che dovrà concedersi a tira-molla continui che renderanno questi due anni di mandato un vero e proprio inferno per il partito dei democratici. Tanto che per correre ai ripari, gli asinelli pensavano addirittura ad una tornata elettorale anticipata a guida Hillary Clinton: la iron lady a stelle e strisce, la cui popolarità si è mantenuta sempre a livelli molto alti.

Un’arma da usare con attenzione ma che potrebbe salvare il partito del presidente dalla debacle che si annuncia nel caso di due anni di veti incrociati e immobilismo.

Market Movers

Alle 9:15 l’inflazione in Svizzera attesa stabile a 0.1%. Alle 10:00 in Europa il dato sulla fiducia del settore servizi è atteso stabile a 52.4. Alle 10:30 nel Regno Unito il dato sul PMI del comparto servizi attesp in lieve flessione a 58.5 rispetto al precedente a 58.7.

Alle 14:15 negli Stati Uniti il dato ADP sulla variazione del numero di occupati non agricoli è atteso in recupero a 220 mila unità rispetto alle 213 mila della rilevazione precedente. Alle 16:00 l’ISM non manifatturiero dovrebbe mostrare una flessione a 58.0 dal dato precedente a 58.6.

EURUSD

Come anticipato ieri è il trading range a fare la parte del leone questa settimana con la moneta unica che comunque si barcamena sopra 1.25 nelle prime ore di contrattazioni in Europa, in ribasso di mezza figura dai massimi di ieri pomeriggio, raggiunti dopo i dati sulla bilancia commerciale statunitense. La giornata di oggi sarà contraddistinta dalle reazioni politiche dopo le mid-term elections, le elezioni americani di metà mandato che rinnovano parte del Congresso USA. Tuttavia, nonostante le implicazioni politiche di una vittoria dei Repubblicani, l’attenzione dei mercati internazionali sarà quasi completamente legata alla riunione di politica monetaria della BCE di domani. Gli scambi sono attesi in maggior parte nell’intervallo 1.25 – 1.2550, con la possibilità di violazioni in caso di scostamento dai dati macro in uscita nel pomeriggio.

 

GBPUSD

Molto laterale con ampi aumenti di volatilità è anche il cable con la sterlina inglese che soffre moltissimo perdendo mezza figura durante la notte e riportandosi in area 1.5950 contro biglietto verde. Anche per la moneta di Sua Maestà il canale tra 1.5950 e 1.60 (1.6030) ha descritto il movimento laterale da inizio settimana in attesa della riunione di politica monetaria della BOE di domani che potrebbe cambiare le carte sul tavolo dell’istituto di Threadneedle Street. Anche nel caso del cable attenzione al livello 1.5950 e alla pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro a stelle e strisce nel pomeriggio.

USDJPY

Sky is the limit? Pare di si, anche se i rialzi del dollaro contro lo yen giapponese hanno una forza progressivamente minore. Durante la notte, infatti la moneta giapponese si è ulteriormente deprezzata nei confronti del biglietto verde che raggiunge quota 114.50 anche sull’onda positiva dei rialzi dei mercati azionari nipponici con l’indice Nikkei della borsa di Tokyo che diversamente dagli altri asiatici principali

 

Analisi AvaTrade, broker con filiale e banca italiana

 

Segui gli aggiornamenti di questo blog
dalla tua mail

Iscriviti alla newsletter di Eurocrisi.it

Grazie per l'iscrizione.

Qualcosa è andato storto, riprova.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Segui gli aggiornamenti di questo blog
dalla tua mail

Iscriviti alla newsletter di Eurocrisi.it

Grazie per l'iscrizione.

Qualcosa è andato storto, riprova.